FAQ

Tecnologia

Quando i raggi ultravioletti UV-C colpiscono microorganismi quali virus o batteri, sono in grado di scatenare delle mutazioni nelle loro caratteristiche molecolari, in particolare su DNA ed RNA, uccidendo così gli agenti patogeni o rendendoli sostanzialmente innocui.
  • Uccisione in pochi secondi di batteri, virus e lieviti.
  • Nessuna formazione di prodotti secondari nocivi per la salute.
  • Procedimento che richiede una manutenzione minima e garantisce facilità d’uso.
  • Nessuna aggiunta di sostanze chimiche.
  • Spese d’esercizio ridotte.
  • Massima sicurezza d’esercizio.

La luce UV-C è ampiamente utilizzata nei sistemi per la bonifica e disinfezione di superfici per contrastare tutta una serie di patogeni.

Tutti i batteri e i virus testati fino ad oggi, comprendendo alcuni coronavirus, rispondono alla disinfezione degli UV-C. La luce UV-C è risultata efficace in altri due virus simili al COVID-19:

  • SARSCoV-1
  • MERS-CoV 

L’infezione da COVID-19 può essere causata dal contatto con superfici contaminate quindi toccando bocca, naso e occhi. Ridurre al minimo questo rischio è una necessità perchè questo virus può rimanere molte ore su superfici di plastica e acciaio.

UV-C è la parte invisibile dello spettro luminoso. Il colore blu viene dal gas inerte all’interno della lampada UV-C. La lampada può essere accesa (e blu) ma non produce energia UV-C.

La lampada può funzionare migliaia di ore garantendo una potenza UV-C dell’80% fino al termine del suo naturale ciclo di vita.

La radiazione UV-C causa alterazioni in molti materiali dopo un uso intensivo e prolungato di migliaia di cicli.

Le lampade UV solitamente degradano i detriti organici comuni che potrebbero accumularsi sulla superficie del tubo; pertanto, di solito non è richiesta una pulizia periodica.

Si può utilizzare in tutti gli ambienti, ad esempio: ristoranti, palestre, fabbriche, bar, ospedali, cinema, centri commerciali, ecc. É importante però mantenerlo lontano dalla portata dei bambini.

Gli oggetti sanificati conla tecnologia Kleanium non vengono in nessun modo contaminati proprio perchè non c’è nessun contatto con l’oggetto durante la fase di sanificazione se non la luce UV-C.

Sanificazione

Gli oggetti vanno inseriti nell’armadio prima di azionare il ciclo. Una volta posizionati all’interno vestiti e oggetti si chiude l’anta e si fa partire il ciclo di sanificazione.

La durata del ciclo di sanificazione varia in base ai modelli dell’armadio. (Vedi la pagina dedicata al prodotto per le specifiche).

Certo, l’armadio può essere utilizzato anche come guardaroba quando non è in funzione.

Si, è possibile infatti estrarre i vestiti dall’interno dell’armadio e indossarli subito.

Sicurezza

É possibile fermare il ciclo in qualsiasi momento premendo l’apposito pulsante presente sul pannello di comando

Assolutamente no, tutta la luce emessa dalle lampade rimane all’interno dell’armadio. 

Le cerniere di sicurezza presenti sull’anta dell’armadio garantiscono l’interruzione immediata della funzione UV-C. 

Ci si può tranquillamente allontanare dall’armadio mentre è in funzione in quanto una volta terminato il ciclo di sanificazione si spegne autonomamente.

L’oblò è composto da un materiale che permette di osservare cosa sta succedendo  all’interno dell’armadio in totale sicurezza senza nessun rischio per la vista.

No, per azionare il ciclo è necessario inserire le chiavi di sicurezza nel pannello di comando.